Progetto “Storie digitali”

pubblicato in: Progetti | 0

Il contesto.

Il mondo della comunicazione digitale è complesso e molti sono i soggetti che propongono strumenti tecnici di vario genere (siti web, campagne di annunci pubblicitari, seo…), con livelli di professionalità variegati. Sempre più si punta alla semplificazione tecnica, per esempio con le offerte di pacchetti “fai da te”, e va via via perdendosi l’attenzione su quella che è la parte più importante della comunicazione: il messaggio. A parte campagne aggressive di grossi marchi, che poco hanno però da spartire con il panorama italiano di pmi dalle risorse economiche di vari ordini di grandezza inferiori, si tende sempre più a soluzioni formalmente corrette dal punto di vista tecnico (siti web ben programmati, testi e annunci ottimizzati per i motori di ricerca, etc…), importanti certo per la propria visibilità, ma del tutto trasparenti ad interventi sul piano creativo, emozionale, di contenuto.

Nel contempo, il panorama italiano è costellato di un’alta percentuale di imprese che non hanno accesso neanche a questo minimo livello di comunicazione digitale, più per motivi culturali che per veri aspetti di ristrettezza economica, che pur contano negli anni di cambiamento che stiamo attraversando. Recenti indagini delle associazioni di categoria rilevano, per esempio, che in Italia solo il 25% delle imprese ha un sito. La tendenza, per colmare questo buco, è però quella di affidarsi a strumenti automatici low-cost, oppure a credere che “fare un sito” sia semplicemente dare un logo e qualche testo/immagine a un grafico/programmatore per comporlo in una forma attraente.


Il progetto.

Con il progetto “Storie digitali” Daniele Savi, che si occupa da anni di comunicazione e scrittura creativa, si propone di cambiare questo paradigma, avvalendosi degli stessi strumenti della comunicazione digitale (quindi web, video, applicazioni mobili, …), mettendoli però al servizio di un risultato: raccontare la visione, le motivazioni, gli obiettivi e il contesto dei clienti, non trasmettere quindi soltanto un messaggio pubblicitario. Continued